Come fai a comprare la crema solare di fronte alla vertiginosa serie di opzioni sullo scaffale della farmacia? Probabilmente ti sembrerà di sentire profumo, sensibilità e livello SPF per distinguere tra le formule. Tuttavia, la più grande differenza tra i filtri solari potrebbe essere la quantità di protezione che il prodotto offre realmente, anche se l'SPF elencato su un flacone è lo stesso numero del tubo accanto.

Di conseguenza, la FDA ha inaugurato una nuova litania di regolamenti che tenta di chiarire esattamente quale tipo di copertura è in quella bottiglia che stai acquistando. Tra le nuove regole, i filtri solari devono ora offrire una copertura ad ampio spettro dei raggi UVA e UVB con almeno un SPF di 15 al fine di reclamare il cancro della pelle e la prevenzione dell'invecchiamento. "La prova di acqua / sudore" deve essere sostituita con "resistente all'acqua / al sudore" (poiché nessuna crema solare è veramente impermeabile) e testata a 40 o 80 minuti di usura non diluita per superare il test.
Adoro quelle salviette SPF da viaggio? Scusate! Le salviettine e le salviettine, oltre agli shampoo, non possono più reclamare la protezione SPF e gli spray devono presentare dati dettagliati sull'efficacia e la sicurezza contro l'inalazione per qualificarsi.
Eppure il regolamento più pronto a cambiare il settore è la proposta che i produttori non possono più votare una protezione solare su SPF 50, che, se approvata, cambierebbe il numero di marchi che etichettano e commercializzano prodotti per la sicurezza solare. "Non ci sono dati sufficienti per dimostrare che i prodotti con valori SPF superiori a 50 offrono una protezione maggiore per gli utenti rispetto ai prodotti con valori SPF pari a 50 ", afferma il portavoce della FDA Shelly L. Burgess. La proposta è aperta per commenti pubblici su regulatory.gov fino al 15 settembre 2011, dopodiché la FDA esaminerà i dati presentati e giungerà a una sentenza definitiva.
Molti esperti accolgono favorevolmente le linee guida, che a loro avviso sono in ritardo da tempo in un settore in cui la corsa a rivendicare numeri SPF sempre più alti ha ingannato molti consumatori per supporre di ricevere più volte più protezione, quando la sicurezza della loro pelle è effettivamente a rischio . "Qualunque cosa rispetto a SPF 50 non offre una protezione UVB in più e dà solo un falso senso di sicurezza", afferma il dermatologo di New York e il consulente di dermatologia YouBeauty, Amy Wechsler, MD

♥ NOVITA', COLPI DI FULMINE E RICONFERMATI ♥ (Marzo 2020).