Stai esaminando il corridoio di produzione per le verdure sane e il tuo sguardo cade sui mirtilli e sui cavoli rossi. Entrambi brillano con i colori blu e viola che segnalano un'alimentazione nutriente. Entrambi sono deliziosi. Quale scegli?

Calcoliamo la scorecard. Il cavolo rosso tiene il bordo del taccuino, forse, come meno costoso. È una scelta a basso contenuto calorico che puoi trovare nel negozio tutto l'anno. Il cavolo rosso ha un altro vantaggio: i nutrizionisti lo applaudono come una buona fonte di vitamine, manganese e potassio.

Il cavolo rosso contiene composti vegetali che possono essere combattenti per il cancro. I composti, che si trovano in altre verdure crocifere, sono chiamati glucosinolati. Una porzione di cavolo rosso fornisce l'85% della tua vitamina C quotidiana e il 42% della vitamina K necessaria. Questa dose soddisfa anche il 20% del fabbisogno giornaliero di vitamina A e poco meno del 10% di B6.



Tutto questo è roba buona, e il cavolo rosso sembra un'eccellente selezione.

Ma se stai acquistando una dose massiccia di antiossidanti, il piccolo contenitore di mirtilli entra come vincitore a mani basse. Un'analisi del Dipartimento dell'Agricoltura dei valori nutrizionali di frutta e verdura dichiara che i mirtilli superano di molto il cavolo rosso crudo negli antiossidanti.

I mirtilli sono un pacchetto di dinamite di cinque diversi tipi di composti antociani genitore, i pigmenti vegetali antiossidanti che producono quelle tonalità viola e blu nelle verdure. Inoltre vantano dozzine di derivati ​​e molti altri composti benefici. I nutrizionisti affermano che la grande varietà di nutrienti presenti nei mirtilli produce probabilmente una gamma più ampia di benefici medicinali.



Tutti questi diversi combattenti della malattia lavorano insieme in una misteriosa sinergia per produrre benefici salutari. Alcuni studi suggeriscono che i mirtilli possono aumentare la memoria e aiutare a inibire alcune malattie croniche. Altre ricerche indicano che la bacca può migliorare la sensibilità all'insulina.

Un altro studio ha dimostrato che la composizione molto speciale dei mirtilli ha funzionato con la sua magia sulla pressione sanguigna. Altri frutti e estratti vegetali non hanno prodotto i risultati visti nello studio pubblicato su The Journal of The Academy of Nutrition and Dietetics. Quella ricerca ha indicato che i mirtilli potrebbero abbassare la pressione sanguigna. La metà delle 48 donne in post-menopausa di età compresa tra 45 e 65 anni con ipertensione hanno mangiato l'equivalente di una tazza di mirtilli al giorno per otto settimane. L'altra metà ha consumato un placebo.

I livelli di ossido nitrico aumentavano significativamente nei consumatori di mirtilli. L'ossido nitrico è coinvolto nel rilassamento e nell'allargamento dei vasi sanguigni. Inoltre, quelli che hanno mangiato l'equivalente al mirtillo hanno visto una media. 5, 1 per cento di diminuzione della pressione sanguigna sistolica e una diminuzione del 6, 3 per cento della pressione diastolica. Coloro che hanno mangiato il placebo non hanno visto cambiamenti.



Suggerimento: se cucini cavolo rosso, fallo brevemente. La cottura rompe quei deliziosi glucosinolati e antociani. I nutrizionisti dicono che mangiare il cavolo rosso crudo è la strada da percorrere.

La Osteoporosis no es una cuestión ni de Calcio ni de Lácteos, por la Dra. Olga Cuevas (Dicembre 2019).