Ogni mattina per otto mesi vivevo a Rangoon, in Birmania, una nazione che, nella stretta ferrea di un'aspra dittatura militare, era stata più o meno tagliata fuori dal resto del mondo per decenni - una signora di nome Mrs. Campbell avrebbe applicato una pasta giallo pallido chiamata Thanaka sulle mie guance, sul naso e sulla fronte.

Era il 1979 e la signora Campbell, nata da un padre inglese e una madre birmana verso la coda del British Raj, era la mia tutor. Ogni giorno, viaggiava attraverso Rangoon (ora chiamato Yangon) con una piccola quantità di Thanaka immersa nella sua borsetta, una polvere ricavata dalla corteccia di un albero che cresce in Birmania ed è stata una graffetta di bellezza birmana per secoli. Mentre lo mescolava in una pasta liscia con un po 'd'acqua, mi disse che avrebbe protetto la mia pelle dai raggi aspri del sole tropicale e l'avrebbe lasciata morbida, liscia e chiara per gli anni a venire.

Skin routine e Layering: i sette riti di bellezza :) (Marzo 2020).