Gli amanti dello smalto per unghie hanno visto marchi come Chanel, Butter London e Zoya pubblicizzarsi come "tre liberi" o "cinque liberi". Purtroppo, questo non significa che dovresti aspettarti bottiglie di lacca in omaggio - significa che questi smalti per unghie sono stati realizzati senza sostanze chimiche ritenute dannose. I lucidi "tre liberi" sono fatti senza formaldeide, toluene e dibutilftalato (DBP), mentre "cinque-liberi" tagliano queste sostanze chimiche così come la resina di formaldeide e la canfora.



Tutti e cinque gli ingredienti di cui sopra sono spesso aggiunti a formule convenzionali come indurenti, piastre per capelli o per preservare l'aspetto o la durata di conservazione dello smalto ", spiega Gina Carney, fondatrice di RGB Cosmetics, uno smalto per unghie e una linea di cura delle unghie . "Allo stesso tempo, quegli ingredienti hanno portato a test che sostengono che sono agenti cancerogeni duri che sono stati associati a respirazione alterata, nausea, vertigini, mal di testa o allergeni.

A complicare ulteriormente la questione è il modo in cui i cinque ingredienti sono consentiti in alcuni prodotti negli Stati Uniti, tuttavia sono vietati in altri paesi. Ad esempio, la formaldeide (anche un ingrediente chiave negli scoppi brasiliani) è stata vietata nelle nazioni dell'UE. Questi prodotti chimici sono anche più duramente riferiti a persone con allergie, motivo per cui marchi come Clinique hanno lavorato su formule speciali per le persone con asma e pelle sensibile.



Kim D'Amato, la fondatrice del marchio polacco "five-free" Priti NYC, usa le più severe normative europee sui prodotti di bellezza come sua forza guida, nonostante la sua azienda abbia sede negli Stati Uniti "In Europa, i cosmetici non sono testati sugli animali ", Spiega. "A differenza di altre società, abbiamo superato tutti i regolamenti dell'UE e tutti i test di sicurezza per l'UE; quindi, possiamo avere diversi rivenditori in Europa.

I lucidi "tre" e "cinque liberi" possono essere, ma non necessariamente, vegani. "Un prodotto per unghie può essere 'cinque libero' ma non vegano", afferma Carney, aggiungendo che le sue smalti per unghie hanno entrambe le certificazioni. "Vegan è essenzialmente una parola d'ordine per 'libero da crudeltà'. Un prodotto cosmetico etichettato come "vegano" significa che il prodotto non è stato testato sugli animali [e non] contiene alcun sottoprodotto animale. "Il blog Vegan Claws è una grande risorsa per tenere traccia delle marche polacche vegane e animal-friendly.



È interessante notare che i lucidi "cinque liberi" non sono l'ultima parola nella cura delle unghie non tossiche: il marchio 100% vegano Pacifica ha recentemente lanciato una linea di lucidanti senza sette. Sì, sette . Le due sostanze chimiche in più che hanno rimosso dalla formula sono parabeni (un conservante) e xilene (un solvente / adesivo).

Proprio come le persone fanno domande sugli ingredienti nel loro cibo, i consumatori di bellezza vogliono maggiori informazioni su ciò che è nel loro trucco e prodotti per la cura della pelle. Per D'Amato, quella trasparenza non può che essere una buona cosa. "Termini come 'five-free' sono un modo di marketing per promuovere il fatto che i prodotti non contengono sostanze chimiche e anche per educare i consumatori sulle formulazioni di prodotti", ha spiegato.

Ciò significa che dovremmo aspettarci lucidi nove, 11 e 13 liberi in futuro? Difficile da dire. Ma a questo ritmo, le marche polacche potrebbero essere più utili a spiegare cosa c'è nei prodotti piuttosto che in ciò che non lo è.

38 SORPRENDENTI TRUCCHI CON LA CANCELLERIA (Aprile 2021).